Prevenzione dell'osteoporosi

Oggi l’osteoporosi rappresenta uno dei problemi a cui sono maggiormente soggette le donne in menopausa. Questa viene poi accentuata se ci si trova in presenza di alcuni fattori chiave quali fumo, alcol, o alcune patologie come malattie renali croniche, ipertiroidismo e diabete mellito.

L’osteoporosi porta ad un deterioramento progressivo della struttura scheletrica, con riduzione del diametro dell’osso e conseguente calo di resistenza meccanica; ne derivano dolori frequenti, schiacciamenti vertebrali ed un sensibile incremento della possibilità di fratture, prima fra tutte quella del femore.

Anche se la perdita di materia ossea avviene per gran parte della vita è oramai certo che la menopausa accentui in maniera importante il processo; questo perché esiste una stretta correlazione tra la carenza di estrogeni (tipica della menopausa) e la perdita di osso.

Annualmente circa il 10% dell’intera massa ossea viene rinnovato, grazie all’azione congiunta di due tipi di cellule: osteoclasti ed osteoblasti. I primi deputati alla distruzione ed al successivo riassorbimento dell’osso, i secondi atti a depositare la matrice ossea (osteoide) successivamente indurita dalla precipitazione di calcio e fosfati. Di notevole importanza è inoltre il ruolo svolto dall’ormone parotideo, dalla calcitonina e dalla vitamina D, che stimola l’assorbimento di calcio e fosforo a livello intestinale. L’azione di questi è fortemente correlata alla quantità di estrogeni presenti: per questo durante la menopausa diminuendo la quantità di estrogeni, diminuisce sensibilmente il riassorbimento intestinale e renale di calcio.

Ad oggi esistono metodiche diagnostiche estremamente precise e poco invasive per verificare la presenza o meno della patologia; tra queste quella di riferimento è senza dubbio la Mineralometria Ossea Computerizzata (M.O.C.), che permette di valutare in maniera accurata il patrimonio minerale dello scheletro e conseguentemente il rischio di fratture. Se a questo si aggiunge un prelievo ematico per verificare il dosaggio della vitamina D l’analisi risulta ancora più accurata.

Presso la nostra struttura è possibile effettuare entrambi con tempi di attesa nulli. Per informazioni contattare la segreteria.

CategoryMedici

© 2018 - Medical Center Misano di Memo Srl - P. IVA 03862010406
D.P.O. Avv. Barbara De Cillis

Informative Privacy e Cookies

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi